Ogni miglioramento deriva da un cambiamento, ma non tutti i cambiamenti producono miglioramenti. (Dr. Eliyahu Goldratt)

I Sistemi Complessi

Tutti i sistemi complessi sono costituiti da un insieme di attività interdipendenti fra loro, una delle quali, in un determinato momento, costituisce un limite alle prestazioni del sistema stesso.

Qualche esempio? Prendete un’organizzazione qualsiasi, un processo gestionale o un progetto: sono tutti esempi validi di sistema complesso e, in quanto tali, ognuno di essi ha un “anello debole”, una parte del processo, una funzione, un’attività critica capace di limitare appunto il sistema..

Il Processo di Miglioramento Continuo

Dunque, utilizzando il linguaggio del Sistema, chi intende ottenere un miglioramento, dovrà seguire un processo che vede le seguenti fasi:

  • decidere perché cambiare
  • identificare cosa cambiare
  • definire quale soluzione adottare
  • stabilire come dar vita al cambiamento

La fase di identificazione del cosa cambiare, in particolare, è critica. Prendiamo, ad esempio, la catena nella figura a lato: che beneficio si otterrebbe dal rafforzare l’anello verde o - peggio ancora - quello blu? Assolutamente nessuno!

La Visione Sistemica

Perciò è fondamentale una visione sistemica, ad esempio utilizzando gli strumenti messi a disposizione dalla Theory Of Constraints, che permetta di capire dove intervenire, valutando l’impatto dell’eventuale cambiamento sull’intero sistema per evitare il rischio di dar vita a progetti di cambiamento che, oltre a non produrre miglioramenti, potrebbero addirittura causare detrimento al sistema.